Le tende tecniche

Il nome indica i tendaggi che il vostro decoratore non confeziona nel suo atelier, ma ordina su misura.
Un primo esempio sono le tende a strisce verticali, orientabili a 180° che scorrono orizzontalmente e sono fornite con strisce larghe 90 o 130 mm. Sono eseguite con i più svariati tessuti o anche con materiali rigidi come plastica e persino legno.

Vi sono poi le avvolgibili, manovrate verticalmente a molla; per esse, se lunghe fino al pavimento, è preferibile il comando laterale a catenella. Attenti però, se non disponete di finestre con ante scorrevoli non potrete abbassarle quando queste sono aperte. Queste tende sono sempre confezionate con tessuti resinati o tagliati al laser, perché non è possibile orlarle sui lati ed il tessuto si sfilaccerebbe.

Per le veneziane a lamelle per interni, vale quanto detto delle avvolgibili in caso di finestre non scorrevoli, inoltre possono risultare difficili da manovrare se eseguite in misure superiori ai 3 m2. Sono delicate in caso di urti, perché confezionate con metalli leggeri o tessuti sintetici molto sottili.

Le ultime sono le plissettate, che si aprono verticalmente a fisarmonica; molto adatte ad essere applicate sulle ante della finestra, sono le migliori per la protezione termica se realizzate con appositi tessuti riflettenti la luce e il calore del sole.

Tutte queste tende sono molto attuali, semplici e informali, permettendo di variare a piacimento la luce e le ombre all’interno di un locale moderno. Sono pulibili preferibilmente con un panno umido, a causa della difficoltà di smontaggio dei tessuti e delle parti meccaniche.

2 commenti

  1. MarcoRispondi

    Grazie per questo interessante post, ora so qualcosa in più sulle tende 😀 ho trovato il blog su internet e visitato il vostro sito aziendale. Continuate così!

Inserisci un commento